Breaking news
RAPPORTO CHOC / Pedofilia, Unicef stima che 53% vittime di abusi ha meno di 10 anni
01 dicembre 2017 13:02

Buche, nuova tecnologia (a caldo) coi raggi infrarossi

Lunedì 4 dicembre al via gli interventi: priorità via Benvenuto Tisi e via Munerati

ROVIGO – Finalmente una buona notizia relativa alle buche in città. Non solo, infatti, dal 4 dicembre iniziano i lavori di sistemazione delle principali arterie cittadine che ormai sembrano groviera, come via Benvenuto Tisi da Garofolo e via Munerati, ma dal 2018 partirà un nuovo metodo di sistemazione a caldo, in modo da far durare nel tempo i rattoppi di asfalto che ora saltano alla prima pioggia.

Ad annunciarlo l’assessore comunale ai lavori pubblici, Antonio Gianni Saccardin: “Ci siamo, finalmente sistemeremo le strade. Partiamo da quelle nelle condizioni più pericolose, per tutelare i cittadini: in verità, il progetto e i soldi erano stati già trovati il mese scorso, ma la burocrazia ci ha fermati per ben 4 settimane. Dalla prossima, però, partiremo, è assicurato: iniziamo da via Munerati e via Benvenuto Tisi da Garofalo che sono quelle nelle peggiori condizioni”.

E non è tutto. L’assessore spiega anche che, grazie al bilancio triennale, nel 2018 ci saranno 100mila euro in più da destinare alla copertura delle buche: “Abbiamo voluto optare per un sistema più duraturo, in modo da non continuare a rincorrere le emergenze, ma prevenire le buche. Si tratta di un sistema di posizionamento del cemento a caldo, che dura almeno due anni, a fronte dell’anno del sistema a freddo. Ovvio che è più costoso, ma almeno risolveremo il problema buche una volta per tutte”.