Breaking news
RAPPORTO CHOC / Pedofilia, Unicef stima che 53% vittime di abusi ha meno di 10 anni
07 dicembre 2017 12:07

Autonomia, trattative con Governo iniziano da istruzione e università

Incontro tra Regione e Ministero per definire le richieste in ambito scolastico ed educativo

ROMA – Si è svolto ieri, 6 dicembre, al Ministero degli Affari regionali, a Roma, l’incontro tecnico sui temi dell’istruzione e università, come previsto nell’ambito del negoziato avviato dalla Regione Veneto con il Governo volto a ottenere maggiori forme di autonomia sulla base di quanto sancito dal progetto di legge statale numero 43 approvato dal Consiglio regionale, recante “Iniziativa regionale contenente, ai sensi dell’articolo 2, comma 2, della legge regionale 19 giugno 2014, numero 15, percorsi e contenuti per il riconoscimento di ulteriori e specifiche forme di autonomia per la Regione Veneto, in attuazione dell’articolo 116, terzo comma, della Costituzione”.

La Regione del Veneto ha illustrato le richieste di autonomia in materia di istruzione e università, nel contesto normativo della legge regionale di iniziativa statale, specificando per ogni articolo i contenuti e le richieste che intende avanzare.

In particolare è stato posto l’accento su valutazione del sistema educativo, disciplina dei percorsi di alternanza scuola lavoro, disciplina dell’organizzazione e del rapporto di lavoro del personale dirigente, docente, amministrativo, tecnico e ausiliario. Sono state inoltre illustrate le proposte in materia di programmazione dell’offerta formativa integrata tra istruzione e formazione professionale che vede il Veneto tra i territori in cui questa integrazione è maggiormente avanzata.

Altro tema fondamentale affrontato è stato quello degli organici e della disciplina del rapporto di lavoro del personale scolastico che con la proposta veneta diventerebbe di competenza regionale, potendo di conseguenza sottoscrivere a livello territoriale contratti collettivi regionali.

I rappresentanti della Regione del Veneto hanno ribadito che uno dei problemi maggiormente sentiti sul territorio è il grave sottodimensionamento degli organici, più volte evidenziato.
Sono state, infine, illustrate le proposte relativamente alla ricerca scientifica e tecnologica nel raccordo con il sistema universitario regionale.

L’incontro è stato effettuato congiuntamente con la Regione Lombardia e la Regione Emilia-Romagna.
Per la Regione del Veneto erano presenti, oltre al capo area capitale umano e cultura Santo Romano, anche Massimo Marzano e Franco Sensini della direzione formazione e istruzione, Anna Gamba del Legislativo e Antonello Strusi delle Risorse finanziarie.