06 novembre 2017 12:02

RUGBY SERIE C

Villadose, compito facile a Monselice

MONSELICE RUGBY-FULVIA TOUR RUGBY VILLADOSE 5-34 (5-17)

Marcatori: pt 4’ m. M. Pellegrini; 10’ m. R. Pellegrini tr. M. Pellegrini; 38’ m. Pavanello; 41’ m. Candeo; st 21’ m. Moro; 27’ m. Pravato tr. M. Pellegrini; 36’ m. M. Pellegrini

Monselice Rugby: Maratini; Lunardi, Banzato, Brasolin, Candeo; Miatton, Taddia; Curto, Mason, Negrisolo; Ferron, Putoto; Trovade, Checchetto, Berto. Subentrati:  Tamiazzo, Carrari, Scarmagnan, Faccia, Fonduli, Ferrara, Piccoli. All. Barbierato

Fulvia Tour Rugby Villadose: M. Pellegrini; Albertin, Melarato, Pravato, R. Pellegrini; Davì, Zamana; Pavanello, Moro, Moda; Bressello, E. Brizzante; Galasso, Borsetto, Rinaldo. Subentrati: Ceccolin, Mattana, Ritrovato, E. Pellegrini, Silvestrin, Pinato, Pasello. All. F. Brizzante

Arbitro: Sacchetto di Rovigo

Note: cartellino giallo a Pravato (pt 39’); giornata piovosa; spettatori: 300 circa; punti in classifica: Monselice Rugby 0, Fulvia Tour Rugby Villadose 5

 

MONSELICE (PD) – Vittoria agevole nella prima giornata di ritorno per il Fulvia Tour Rugby Villadose che ha avuto la meglio sul Monselice Rugby per 5-34 al termine di un match chiuso con il punto di bonus dopo un’ora di gioco e che ha visto i neroverdi segnare tre mete per tempo.

‘Dose avanti dopo 4 minuti con Massimiliano Pellegrini, abile a sfruttare una giocata al largo dei trequarti e bis quasi immediato con Riccardo Pellegrini, molto bravo a resistere ad almeno quattro tentativi di placcaggio da parte dei padroni di casa e che ha confermato la validità della scelta di coach Flaviano Brizzante nello schierarlo all’ala per aumentare la fisicità del reparto.

Match che vive di sprazzi e molto studio nei minuti successivi e che torna a sbloccarsi soltanto nel finale della prima frazione di gioco. I neroverdi sfruttano una netta superiorità in mischia per girare un’introduzione biancorossa, il pacchetto avanza, Pavanello si stacca e va a schiacciare. Nei momenti conclusivi, Pravato rimedia un cartellino giallo per un placcaggio pericoloso e i patavini sfruttano la superiorità numerica per realizzare in bandierina con Candeo.

Ripresa tattica e gioco frastagliato per i primi venti minuti, con gli avanzamenti alla mano, ma anche al piede, non di certo agevolati da pioggia e vento. I polesani si affidano allora all’arma del maul e trovano la linea nuovamente con Moro per il 5-22 parziale che decreta il punto aggiuntivo per Melarato e compagni. Pochi minuti dopo, splendida azione in ripartenza di Moro, che si affida a Zamana e da questi a Ritrovato che, lanciato praticamente in meta al centro dei pali, non riesce a controllare l’ovale. Poco male, comunque, perché il Fulvia Tour gira la mischia conseguente e trova la meta di sfondamento con Pravato. Nel finale, Massimiliano Pellegrini conclude la sua giornata positiva sgusciando in un varco all’ala e segnando in bandierina la meta del definitivo 5-34.

“Abbiamo rispettato il pronostico – commenta coach Flaviano Brizzante – sono contento perché avevo visto i ragazzi motivati, con molta voglia di ottenere il risultato e sono soddisfatto anche dei cambi che sono riusciti a tener alta la tensione durante la partita. Abbiamo tenuto in mano le redini del gioco, con una mischia dominante e mi sono piaciuti pure i trequarti con belle giocate e grazie a tutta questa mole di lavoro siamo riusciti a realizzare sei mete. Monselice, capito che in mischia c’era da soffrire, ha provato a giocare al largo, ma noi abbiamo resistito e nel secondo tempo con la cerniera Pravato-Emanuel Pellegrini non c’era possibilità di passare. Faccio un plauso ai ragazzi: siamo sulla buona strada”.

Campionato che si ferma ora per tre settimane durante i test match di novembre della nazionale italiana. Il Fulvia Tour Rugby Villadose continuerà regolarmente le sedute di allenamento e sono allo studio alcuni possibili incontri amichevoli. Il torneo di serie C1 ricomincerà regolarmente domenica 3 dicembre con lo scontro diretto in via Pelandra contro il Rugby Feltre, a sorpresa sconfitto 21-38 in casa contro il Bassano.