Breaking news
LA TERRA TREMA / Terremoto del 4.4 nel Parmense, paura ma niente danni
14 novembre 2017 13:54

Un anno da leonesse, ecco il calendario

Celebrerà la terza stagione agonistica della squadra. Foto di Giampaolo Defanti

ROVIGO – Sono trascorsi tre anni esatti dall’epica sfida di Tolosa quando, la prima nazionale italiana femminile di football gaelico della storia, affrontò la ben più esperta selezione francese uscendo dallo stadio Corbarieu tra lo stupore generale, con l’onore delle armi e con la consapevolezza di aver giocato una partita straordinaria sotto ogni punto di vista. Una sconfitta onorevole che valse come e forse più di una vittoria.

Quella straordinaria avventura era iniziata solo qualche mese prima grazie all’iniziativa di Raffaello Franco, presidente della New Ascaro Rovigo asd il quale, unico a credere nel progetto, aveva raccolto il guanto di sfida francese prendendosi l’onere e l’onore di costruire dal nulla una selezione femminile da portare in Francia. La base operativa venne fissata a Rovigo e lo stadio Battaglini divenne centro di reclutamento e sede degli allenamenti. Oltre a Franco, che assunse il ruolo di CT, nello staff tecnico venne inserito anche Lorenzo Zago con compiti di secondo e mental coach della squadra.

Curato l’aspetto tecnico era però necessario reperire anche quante più risorse possibili per finanziare la spedizione in terra di Francia. Ad occuparsi di questo tema scottante intervenne Paolo Simonetta, presidente del Circolo Noi Sarzano ed uno tra i soci fondatori della New Ascaro Rovigo asd nella quale ricopriva il ruolo di direttore sportivo. Con l’entusiasmo che da sempre lo contraddistingue, Simonetta si gettò a capofitto nel progetto mettendo a disposizione le strutture del centro giovanile parrocchiale per promuovere l’avventura della squadra azzurra. Coinvolse molte persone e s’impegnò ad organizzare tutta una serie di eventi capaci di richiamare l’attenzione di quanti fossero interessati a sostenere la causa della prima nazionale femminile di football gaelico che si stava preparando alla spedizione in terra di Francia.

Dall’ossatura di quella selezione nazionale, che per ovvi motivi logistici e di tradizione sportiva gaelica, aveva visto la luce in Veneto, nel 2015 nacquero le Venetian Lionesses Lgfc. Stesso staff tecnico, al quale nel frattempo si affiancò Andrea Chieregato che mise a disposizione della squadra la propria professionalità nel settore della preparazione atletica e grossomodo le stesse atlete che fecero parte della storica nazionale azzurra reduce dalla sfida francese alle quali si aggiunsero volti nuovi di ragazze invogliate a proseguire nella tradizione del ladies football veneto, un altro successo targato New Ascaro Rovigo asd.

Per celebrare la terza stagione agonistica delle Venetian Lionesses, nei prossimi giorni uscirà il calendario 2018 della squadra, un’occasione unica e straordinaria per accompagnare i 12 mesi del nuovo anno rivivendo, grazie alle fantastiche foto di Giampaolo Defanti, le gesta di queste straordinarie interpreti nostrane del football gaelico, il gioco che fa impazzire gli irlandesi. Anche in questa iniziativa editoriale c’è lo zampino di Paolo Simonetta il quale, dopo un periodo di allontanamento dovuto ad impegni professionali, pur senza assumere incarichi dirigenziali, ha deciso di tornare in seno alla New Ascaro Rovigo come socio sostenitore portando con se anche il marchio della multinazionale tedesca Berner per la quale lavora, un colosso industriale con sede a Colonia.

Per prenotare il calendario Berner 2018 #ProdottiPerCampioni delle Venetian Lionesses Lgfc è sufficiente inviare una mail di richiesta a newascaro.rovigo.asd@gmail.com.