Breaking news
RAPPORTO CHOC / Pedofilia, Unicef stima che 53% vittime di abusi ha meno di 10 anni
29 novembre 2017 13:03

Disabilandia, dove i gatti disabili trovano coccole e amore

La casa-rifugio di via Alfieri è gestita da Valentina Pasotto, delegata Oipa Italia onlus

ROVIGO – Pochi ancora lo sanno, ma a Rovigo esiste il centro d’accoglienza più grande d’Italia per gatti disabili. Si trova in via Alfieri, a pochi passi dal campo Coni, e al suo interno sono ospitati circa 20 felini sfortunati, con problemi psichici o motori, che arrivano ogni settimana da tutta Italia per ricevere cure ed assistenza.

Qualcuno di loro nasce così, ma il più delle volte sono vittime di incidenti stradali o cattiverie dell’uomo, come lancio di petardi, pallottole di fucile, lanci da automobili o finestre. Un gatto può vivere anche senza zampe posteriori o senza vista una vita felice, ma ha bisogno di continua assistenza. Per questo è importantissimo il lavoro svolto dalle volontarie che curano il centro di accoglienza, chiamato Disabilandia, e gestito dall’Oipa di Rovigo.

La responsabile è Valentina Pasotto, che invita tutte le persone amanti degli animali ad adottare un micio disabile: “Vero che bisogna assisterlo con un occhio di riguardo, ma le soddisfazioni che dà sono immense – spiega -. Ognuno di loro ha la loro personalità e anche se con qualche disagio in più vivono una vita felice e normale, proprio come gli altri gatti, ma essendo più affettuosi. Non dimentichiamoci di loro”.

Tante le iniziative che l’associazione porta avanti per sostenersi anche a livello economico: “Curare dal punto di vista medico un gatto disabile, che ci arriva da ogni parte d’Italia, ci costa in media mille cinquecento euro ad animale. Noi vogliamo aiutare tutti per sistemarli e poi farli adottare: per questo l’aiuto economico è importante”. Già domenica sera, 3 dicembre, ad esempio, sarà organizzata una cena di presentazione delle varie attività all’Osteria ai Trani a Rovigo. Chi vuole partecipare può prenotare contattando Valentina o l’Oipa alle seguenti pagine Facebook: https://www.facebook.com/oiparovigo/ oppure https://www.facebook.com/disabilioiparovigo/