Breaking news
LA TERRA TREMA / Terremoto del 4.4 nel Parmense, paura ma niente danni

Pet corner

11 novembre 2017 12:35

Acquari, quanto conta prevenire

di Vincenzo Di Leva (*)

La gestione di un acquario si basa su regole semplici ma indispensabili per mantenere un buon livello di salute e di benessere dei pesci e delle piante da esso ospitate. Per raggiungere le condizioni ottimali è necessario tenere sotto controllo la qualità chimico fisica dell’acqua e rispettare con costanza le opportune procedure gestionali (ad es. somministrazione del cibo, controllo densità soggetti/vasca, pulizia periodica).

L’obiettivo di quest’articolo non è quello di spiegare come prevenire le eventuali malattie, ma di ribadire un principio fondamentale: “prevenire è meglio che curare”. Con il concetto di prevenzione si intende l’applicazione di tutti quei comportamenti in grado di evitare o ridurre l’insorgenza e lo sviluppo di una malattia o di un evento sfavorevole.

La conditio sine qua non di partenza è l’installazione e l’avvio di un acquario secondo le indicazioni di un esperto acquariofilo e successivamente procedere con l’introduzione sempre di soggetti in perfetto stato di salute. Purtroppo diverse cause fanno sì che le specie acquatiche ornamentali si ammalino, e le malattie possono essere prevenute con successo solo se, oltre a gestire con attenzione l’igiene dell’habitat, vengono rimossi quei fattori che scatenano situazioni di stress come valori chimici inadeguati, inquinanti presenti nell’acqua, alimentazione non adeguata o non calibrata. Qualora dovessero presentarsi delle patologie, confermate dal consulto di un esperto, sicuramente si verrà indirizzati alla terapia più efficace, ma non dovrà essere trascurato il concetto di prevenzione sopra citato perché la garanzia di un habitat sano sarà fondamentale per il successo dell’eventuale terapia.

Il settore specialistico offre testi guida validi e completi per gestire acquari, ma ricordiamoci che l’ittiopatologia è una scienza medica e il consulto di un medico veterinario specializzato sarà indispensabile qualora si necessitasse di un intervento igienico sanitario mirato.

(*) Medico Veterinario Specialista in allevamento, igiene patologia delle specie acquatiche e controllo dei prodotti derivati