Breaking news
MANOVRA A META' / Cellulare alla guida e seggiolini anti-abbandono, giro di vite bye bye
12 ottobre 2017 20:20

Mef, sbloccati i premi ai dipendenti per il 2015 e 2016

Bergamin ha trovato la quadra: in arrivo i soldi fermi dal 2012

ROVIGO – I dipendenti del Comune avranno i premi (in denaro e previsti per la categoria) che aspettano da anni. La notizia arriva da una nota in cui il sindaco Massimo Bergamin annuncia in pompa magna: “Finalmente conclusa la vicenda Mef” (Ministtero delle Finanze, ndr) come deliberato dalla giunta di Palazzo Nodari al termine della riunione di oggi, 12 ottobre.

“Dopo tutti gli approfondimenti necessari che sono costati tempo, sacrifici e un grande lavoro di ricostruzione, è stata individuata la soluzione più ragionevole a contemperare gli interessi dell’Ente e dei lavoratori – scrive Bergamin – Grazie a questa decisione i dipendenti potranno godere dei premi di una parte del 2015 e dell’intero 2016. I premi erano bloccati dal 2012, da quando, una ispezione del Mef aveva rilevato alcune irregolarità proprio sulla erogazione dei fondi relativi al salario accessorio e sulle stabilizzazioni operate nel 2009. La ricostruzione dei fondi ha tenuto obbligatoriamente conto delle indicazioni ricevute dallo stesso Mef”.

Il primo cittadino esulta: “Si tratta di un risultato epocale, che finalmente dà ai lavoratori il valore umano e professionale che meritano. Si ristabilisce così anche una situazione di normalità: il Comune di Rovigo si allinea a tutti gli altri enti nazionali che normalmente erogano le produttività in base ad un sistema di valutazione. La giunta si è presa tutto il tempo necessario per gli approfondimenti del caso al fine di contemperare gli interessi delle parti e stilare un documento il più equilibrato possibile”.

La nota si conclude con i ringraziamenti: “Ringrazio tutti coloro che si sono spesi in questo estenuante e duro lavoro e che hanno risolto una eredità del passato, incancrenitasi nel tempo e che, finalmente, dopo cinque anni è stata risolta dall’amministrazione Bergamin. Auspico, da oggi in poi, la ripresa di un corretto confronto con sindacati in un clima di maggiore distensione e fiducia”.