Breaking news
COME PER BATTISTI? / Igor, dopo l’arresto ora è già scontro Italia-Spagna per l’estradizione
11 ottobre 2017 09:14

Sul taglio degli alberi M5S sul piede di guerra

I "grillini" rilanciano sul censimento piante monumentali

ADRIA – Cinque Stelle sul piede di guerra per l’abbattimento di alberi all’interno del depuratore di strada Retratto. “Da giorni si sentono rumori – precisa una nota –  di motoseghe in azione e il taglio, che è risultato uno scempio, sta andando avanti. È stato richiamato all’attenzione il sindaco Massimo Barbujani per capirne la motivazione e chiedere delucidazioni in merito, ma il primo cittadino di ha affermato di non saperne nulla…”.

Parlando con gli addetti ai lavori, proseguono i “grillini”, ci è stato riferito che “il disboscamento era stato richiesto da Polesine Acque e motivato dal fatto che il fogliame caduto creava problemi al depuratore stesso. Ci è dato però sapere che negli anni che ’90 la piantumazione era stata effettuata non a caso , ovvero, erano stati appositamente collocati degli alberi particolari per formare una barriera contro gli odori provenienti dall’impianto di depurazione, come disposto dalla legge Merli e successive modifiche. A tal proposito, auspichiamo che il sindaco, dopo le dovute verifiche, metta in atto tutti i provvedimenti necessari nel caso di taglio indiscriminato di alberi, e di monitorare i possibili danni che tale azione potrà provare in futuro”.

E sempre a proposito di verde e piante: “Sollecitiamo infine il primo cittadino a inserire urgentemente all’odg del prossimo Consiglio comunale, le due mozioni presentate dal M5S, inerenti il censimento per l’istituzione dell’elenco degli alberi monumentali“, chiudono i Cinque Stelle.