Breaking news
SOTTO ATTACCO / Barcellona, furgone sulla folla: morti e feriti. Torna l’incubo terrorismo
09 agosto 2017 10:21

Pestava e chiudeva la moglie in camera senza cibo

I carabinieri di Lendinara hanno messo la parola fine a una brutta storia di violenza e soprusi
LENDINARA – Lesioni personali aggravate e minaccia nei confronti della moglie. I carabinieri di Lendinara, dopo alcune rapide indagini, hanno denunciato un 20enne magrebino residente nel Basso Veronese.
Fin dall’inizio della convivenza, per la donna eran botte quotidiane: anche per futili motivi, infatti, volavano pugni, calci, ceffoni, tirate di capelli oltre alle minacce di andare oltre se la poveretta avesse parlato con qualcuno. Nel mese di luglio, dopo l’ennesimo litigio, l’aveva persino chiusa a chiave in camera da letto lasciandola senza mangiare e continuando a picchiarla. 
Ldonna, dopo alcune peripezie, era riuscita a chiamare al telefono il padre il quale, recatosi a casa della coppia, ha notato le tumefazioni nel volto della figlia e ha deciso di accompagnarla al Pronto soccorso dell’ospedale civile di Legnago, per le cure del caso.
La giovane, coetanea del marito violento, temendo per la sua incolumità, ha lasciato il tetto coniugale ed è tornata dai genitori.