Breaking news
BRACCIO DI FERRO / Catalogna, Spagna fa arrestare due leader indipendentisti
11 agosto 2017 13:40

Ospedale, un cantiere da 50 milioni 

Rinnovo di strutture, impiantistica, logistica e servizi: sarà un fiore all'occhiello

ROVIGO – Un cantiere da oltre 50 milioni di euro quello si è aperto all’interno dell’ospedale di Rovigo, che vedrà la ristrutturazione di vari reparti, non solo dal punto di vista delle strutture e dell’impiantistica, ma anche per quanto riguarda logistica e funzionalità dei servizi, per rendere un servizio sempre maggiore e di qualità ai cittadini.

Il piano di ristrutturazione è stato presentato oggi, 11 agosto, dal direttore generale dell’Ulss 5 polesana, Antonio Compostella, e dall’assessore regionale al territorio, Cristiano Corazzari, rappresentante della Regione Veneto che ha messo a disposizione dell’Ulss 5 polesana 7 milioni di euro da spendere immediatamente, ai quali si aggiungerà un finanziamento di 39,5 milioni di euro per concludere il piano di adeguamento nei prossimi anni. 

Si interverrà sui blocchi M e A che andranno via via a ospitare nuovi reparti, mentre il corpo F (dove si trova attualmente oncologia) sarà interamente demolito. Si riammoderneranno le stanze di degenza per tutti i reparti di medicina, che saranno composte da due posti letto e un bagno, oltre che da nuovi impianti, e l’intero edificio sarà adeguato alle normative antincendio e antisismiche. Il tutto senza interrompere mai l’attività ospedaliera per nessun reparto e senza creare riduzioni di spazi per gli utenti. I lavori sono già partiti e alcuni reparti pronti per essere consegnati, mentre l’intero piano di ristrutturazione impiegherà almeno cinque anni per vedere la parola fine.

Scendendo nel dettaglio, il piano di intervento riguarda:

– Nuovo reparto di ostetricia/ ginecologia, già ultimato, per un importo di un milione di euro
– Nuovo reparto di emodialisi, pronto per ottobre 2017, per un milione di euro
– Rinnovo blocco sale parto e sale operatorie di ostetricia, in fase di avvio di gara, per due milioni e mezzo di euro
– Ristrutturazione del 7° piano per lungodegenza, in fase di avvio di gara, per un importo di un milione e 100mila euro
– Reparto per degenze pazienti in regime di detenzione, già ultimato, per 200mila euro
– Nuovo reparto di oncologia, in fase di progettazione, per due milioni di euro
– Ristrutturazione sala operatoria e ambulatori di oculistica, progetto in fase di sviluppo esecutivo, per 500mila euro
– Adeguamento antincendio scale di emergenza, in fase di aggiudicazione, per 275mila euro
– Nuova farmacia ospedaliera territoriale, in fase di progettazione, per 150mila euro

Alcuni interventi si effettueranno anche ad Adria, Badia e Trecenta:

– Adeguamento impianti antincendio del reparto di psichiatria di Trecenta, gara in fase di avvio, per 70mila euro
– Miglioramento sale operatorie di Trecenta ed Adria, i lavori partiranno entro la fine del 2017, per 350mila euro
– Adeguamento normative punto sanità di Badia Polesine, progetto approvato, per 80mila euro

L’Ulss 5 polesana rimane poi in attesa dell’approvazione della Regione Veneto per il finanziamento di ulteriori interventi quali:

– L’ampliamento del pronto soccorso dell’ospedale di Rovigo, 800mila euro
– Nuovo pronto soccorso di Adria, per tre milioni di euro
– Ampliamento del pronto soccorso di Trecenta, 40mila euro
– Nuovo ospedale di comunità ad Adria, un milione e 300mila euro
– Ristrutturazione area poliambulatori corpo A a Rovigo, un milione e 100mila euro
– Nuovo reparto di pediatria, nido, terapia intensiva neonatale a Rovigo, un milione e mezzo di euro
Caterina Zanirato