Breaking news
SOTTO ATTACCO / Barcellona, furgone sulla folla: morti e feriti. Torna l’incubo terrorismo
12 agosto 2017 19:19

Morto Gian Antonio Cibotto: aveva 92 anni

Giornalista, critico e scrittore ha vinto decine di premi letterari

ROVIGO – Lutto per la cultura rodigina. Si è spento nel pomeriggio di oggi, sabato 12 agosto, Gian Antonio Cibotto. Giornalista, critico e scrittore, aveva 92 anni.

Da mesi le sue condizioni di salute si erano aggravate: la morte lo ha trovato all’interno della sua casa, nel centro di Rovigo. Nato l’8 maggio 1925 da una famiglia antifascista, i primi anni della sua vita e della sua istruzione scolastica furono segnati da rastrellamenti e discriminazioni. Cibotto si fa ben presto notare però in ambito letterario e teatrale: inizia lavorando come redattore alla Fiera Letteraria diretta da Vincenzo Cardarelli, per poi scrivere numerose opere (tante delle quali dedicate alla sua amata terra come “Scano Boa”, “Diario Veneto”, “Veneto segreto”, Veneto d’ombra”, “Un certo Veneto”, “Razza de mona”, “San Bastian con la viola in man”, “In paradiso con la carrozza”, “I giorni della merla”) e vincere prestigiosi premi letterari come il premio Marzotto, il premio Comissio, il premio Salotto Veneto, il premio Guidarello e il premio Napoli.

È stato il primo a riproporre nel Dopoguerra Ruzzante, Fiancarli e il Cieco Groto, contribuendo in modo determinante alla rinascita del Teatro Veneto: lascia un vuoto incolmabile e un’eredita difficile da raccogliere.