Breaking news
BRACCIO DI FERRO / Catalogna, Spagna fa arrestare due leader indipendentisti

Posta Rossini

10 agosto 2017 12:00

Graffio del 10.08.2017

...la signora guardi ben che sia fatto di Moplen...

Sarà perche sono un gatto italiano ma a me i francesi non piacciono molto. Altro discorso le francesi, ovviamente. Questo Macron che è una contrazione di Macaron, i deliziosi amaretti, che assomiglia al termine “macaroni” con cui ci chiamano in Germania poteva essere nostro amico. E invece nazionalizza i cantieri già venduti a Fincantieri e quindi all’Italia. In qualunque parte del mondo lo avrebbero preso a ceffoni e invece, forse per via del nome, il primo ministro Gentiloni si è limitato a un buffetto.

Più arrabbiato il ministro Calenda che però anche qui per via del nome ha rimandato tutto a settembre: come dire “ad Calendas grecas”…

Resta Pietro Carlo Padoan, detto Piercarlo, Ministro delle Finanze che avendo come moglie una gentile signora che di cognome fa Reitano dovrebbe passere le giornate a cantare “Italia” (invece anche lui ha risposto: “Lo vuole l’Europa”)

Ora questa storia che in nome dell’Europa noi dobbiamo subire le peggiori nefandezze non mi va proprio: i francesi si sono comprati gratis BNL, Edison, Tim, Parmalat. Viaggiano da anni al 4,3% di rapporto deficit/Pil e ci fanno la lezione sulle regole da rispettare.

A me Macron ricorda il Moplen, la materia plastica inventata negli anni ’60 da Natta. Anche il presidente francese è di plastica ed allora come la massaia di una volta adottiamo lo slogan: “La signora guardi ben che sia fatto di Moplen”. Ah, la “signora” sarebbe l’Italia… La plastica non è biodegradabile e pertanto degrada in migliaia di anni. Non bisogna perciò aspettare che sparisca, bisogna sostituirla. Ma questi nostri  governanti non sanno da che parte cominciare ed allora lasciamo perdere Macron, il moplen e le calende e passiamo alla movida.

Stesse iniziali ma tutta un’altra musica.